Email marketing automation, a cosa serve e perchè è importante

L’email marketing automation è una strategia di comunicazione importante che facilità l’invio di email personalizzate da inviare dopo una determinata azione su un sito, un social o un canale ecommerce

A cosa serve

Si tratta di un automatisto che permette di inviare messaggi predeterminati ad un pubblico preciso a seguito di un’azione compiuta.

Nei processi di conversione del funnel, il passaggio che trasforma un utente in cliente effettivo prevede diversi step e grazie all’email marketing automation è possibile supportare questo percorso.

Si tratta quindi di una comunicazione personalizzata, ad esempio un messaggio di benvenuto su una newsletter, un invito a riprendere un carrello lasciato sospeso e altri esempi.

Pensiamo anche a chi ha già effettuato un acquisto online, è possibile creare un automatismo ed inviare una mail con i prodotti correlati, oppure uno sconto su misura e così via.

Tutto questo avviene in forma automatica, non è un’azione manuale e quindi i tempi da dedicare a questa attività sono ridotti.

Gli strumenti per gestire l’automazione

Personalmente adoro Mailchimp, un ottimo strumento per gestire l’email marketing, la newsletter e per programmare l’invio di email attraverso il collegamento al nostro portale web.

Mailchimp mette a disposizioni dei workflow per questa attività che ha come obiettivo stuzzicare e fidelizzare il pubblico online ed è gratuito fino a 2000 contatti.

Si tratta di personalizzare i contenuti, scegliere i destinatari sulla base delle loro azioni e dei loro interessi.

Ad esempio anche creando dei template diversi a seconda dell’età del cliente, o del sesso, oppure degli interessi verso un determinato prodotto.

Ogni comunicazione deve raccontare qualcosa, approfondire un argomento o un prodotto, deve suscitare un interesse e portare chi la riceve a compiere un’azione.

Attraverso lo storytelling è possibile migliorare la qualità della nostra comunicazione attraverso delle tecniche narrative precise da applicare anche alle nostre email ed alla nostra newsletter.

Cross selling e KPI

Una delle tecniche migliori di email automation è quella di inviare mail automatiche a chi ha già effettuato acquisti proponendo articoli simili.

E’ possibili infatti raggiungere KPI (obiettivi) molto importanti grazie alla fidelizzazione dei clienti, proponendo sconti fedeltà o cose del genere.

Consiglio di fare dei test a/b, ovvero di creare due email diverse e valutare l’efficacia per individuare quella più performante, in termini di apertura e di conversioni di vendita.

Un’altra iniziativa interessante è quella di inviare email informative su un argomento che interessa al tuo pubblico, stimolare la curiosità per spingerlo nel percorso di conversione del funnel.

Ad esempio parli di campagne, strade bianche, buon vino e panorami toscani a chi ha già acquistato prodotti da trekking o da ciclismo.

La conversione su un sito di bici o di prodotti da trekking è garantita, non devi vendere subito, il processo di conversione da utente a cliente è lungo e prevede molte fasi diverse.

Un altro ottimo esempio di email automation è quello di mandare una mail il giorno del compleanno, allegando un voucher da spendere o un piccolo regalo.

Questa azione permette di fidelizzare il cliente e se gestita in modo automatico ti permetterà di raccogliere i frutti di questa ottima iniziativa.

Progetta sempre le tue azioni

Il titolo spiega bene cosa voglio dire, se decidi di attivare delle automazioni analizza con cura il tuo processo di acquisto e le varie fasi.

Cerca di capire come può essere utile al tuo business e scegli lo strumento giusto da utilizzare.

Una buona progettazione deve essere svolta dall’ufficio marketing, il commerciale, l’addetto customare…..deve essere un vero lavoro di squadra.

Non lasciare niente al caso, progetta e testa il tuo automatismo, fai growth hacking, cerca di capire se funziona e come migliora le performance delle tue aziende.

Fai una simulazione interna prima di rendere l’automatismo pubblico e prevedi ogni situazione, soprattutto le peggiori, se riesci a risolvere le più critiche sei già ad un ottimo punto!

Leave a Reply