Google Ads e punteggio di ottimizzazione

Il 13 settembre Google ha annunziato una variazione su Google Ads e punteggio di ottimizzazione.

Cambia infatti il punteggio di ottimizzazione delle campagne dando più valore ai consigli per raggiungere in modo più efficace gli obiettivi della campagana.

Il punteggio di ottimizzazione di Google Ads è fondamentale per ottimizzare gli annunci e va da 0 a 100. Ora questo punteggio è disponibile anche su dispositivi mobile e non solo su desktop.

I consigli di Google possono essere per esempio l’aggiunta di parole chiave oppure la rimozione di parole chiave in conflitto.

Perchè controllare il punteggio

E’ un’attività fondamentale per migliorare il rendimento di una campagna Google.

E’ necessario pertanto verificare i consigli e “seguire” i suggerimenti che ti vengono dati per ottimizzare il budget investito in una determinata campagna o in un gruppo di annunci.

L’efficacia di una campagna si misura dalle conversioni dopo aver stabilito quali sono gli obiettivi.

Ci sono due indicatori che devi analizzare per capire se la tua campagna funziona, andiamoli a vedere.

Gli indicatori CTR e CPC

Tra i vari strumenti che Google ti mette a disposizione, la verifica di questi due parametri è fondamentale per capire se stai spendendo bene i tuoi soldi.

Partiamo dal CTR, ovvero la percentuale di persone che fanno click al tuo annuncio dopo che è stato mostrato.

Ovviamente più il CTR è alto migliore è il livello di penetrazione del tuo annuncio.

E’ interessante verificare il CTR anche a seguito di eventuali modifiche della campagna per capire se è stato prodotto o meno un miglioramento nel tempo.

Passiamo al CPC medio, ovvero il costo per click.

Questo valore non è altro che il costo pagato per un click in una deteminata campagna.

Questo valore tiene conto anche del costo delle parole chiave e si tratta di un importo medio, ma è importante vedere quanto mi costa ottenere mediamente un click.

La notizia completa è consultabile su Google Ads

Leave a Reply