Nuove linee guida del digital 2020 di We Are Social

Digital 2020 è un interessante report prodotto da We Are Social e Hootsuite che analizza lo stato dei social, del web e le tendenze di mercato.

Guarda le nuove linee guida del digital 2020 di We Are Social e di Hootsuite

I dati macro di Digital 2020

L’indagine Digital 2020 rappresenta un vero punto di riferimento per gli operatori del settore ed offre molti spunti su come i social ed il web hanno cambiato le abitudini delle persone.

Usano internet 4,5 miliardi di utenti e 3,8 usano i social con una diversa penetrazione di internet nelle varie zone del mondo.

Ad esempio nel nord Europa oltre il 95% della popolazione è connessa mentre in Italia ci si aggira intorno all’80%.

Un dato che deve fare riflettere, 1 persona su 5 non può accedere internet, un bel problema di digital divide!

Il tempo medio passato su internet è di 2h e 24 minuti per i social e sale a 6h e 43 minuti per internet.

In Italia si trascorre circa 2h e 42 minuti su mobile e 3h e 18 minuti su pc.

I dati macro di we are social 2020 e hootsuite

Si evidenzia un crescita delle connessioni da mobile ed un’elevata preoccupazione verso le fake news e la propria privacy.

Le connessioni da mobile hanno raggiunto oltre 4 miliardi di utilizzatori, c’è ancora qualcuno che non ha il sito responsive? Spero di no!

Una riflessione interessante anche sull’età media che si attesta a 30,9 anni mentre in Italia siamo oltre 47 anni, un dato che fa impressione.

Anche i dati sul reddito medio pro capite evidenziano notevoli differenze tra le varie aree del mondo, con una media di circa 17.000 dollari ed una situazione eterogenea anche all’interno di uno stesso continente.

I dati in Europa

Cosa succede in Europa? Secondo le linee guida del digital 2020 di We Are Social ci sono oltre 711 milioni di utente connessi e oltre 1 miliardo di connessioni.

Numeri molto alti anche per i social con oltre 470 milioni di utenti iscritti (+ 20 milioni) e uno strano calo delle connessioni da mobile (-0,50% rispetto al 2019).

Ho trovato molto interessante anche il tempo medio passato sulle web tv, circa 3h e 18 minuti.

Mediamente la musica in streaming occupa 1h e 26 minuti delle nostre giornate e oltre 1h è occupata in media dal tempo trascorso sulle console.

La velocità di connessione e i siti più visti

La velocità di connessione è molto differente tra le varie aree geografiche del mondo, si passa da una velocità di download per mobile di 103 mbps per la Corea del Sud fino a i 36,8 mbps per l’Italia.

Lo stesso vale per il fisso, dai 200 mbps di Singapore ai 59,3 per l’Italia.

Un dato che ci deve far riflettere, tutti i paesi industrializzati (e non solo) fanno meglio di noi, un ritardo infrastrutturale difficilmente recuperabile che danneggia le nostre aziende ed il nostro mercato.

Per quanto riguarda i siti più visti troviamo Google e YouTube ma c’è anche qualche sorpresa, ad esempio la presenza di Yahoo tra quelli più visitati.

Traffico web, browser, streaming TV

Il traffico con dispositivi mobile ha raggiunto il 53,3% (+8,6% rispetto allo scorso anno) mentre laptops e desktop sono al 44% (-6,8%), lo 0,07% da console o altri dispositivi.

Il traffico da mobile è quindi passato da dal 31% del 2014 a oltre il 53% nel 2019, un’ennesima conferma sull’importanza del mobile.

Per quanto riguarda i browser Chrome è utilizzato dal 63,3% degli utenti, a seguire Safari con il 17,7% (+20% rispetto al 2018), Firefox 4,4% e Samsung internet al 3,5%.

Uso dei browser report digital 2020

Trovo molto interessante anche il dato sullo streaming TV, il 67% degli utenti accedi a queste piattaforme digitali con un dato italiano pari al 60%.

Anche in questo caso si tratta di una crescita importante, un dato da prendere in considerazione.

Anche lo streaming audio e l’ascolto di podcast è in costante aumento, dato confermato anche per l’Italia.

Anche i dispositivi smart home hanno avuto una crescita esponenziale anche se siamo ancora intorno all’11% e in Italia all’8%.

Il dato invece delle ricerche vocali sale al 42% ed in Italia al 35%.

E’ quindi importante progettare strumenti web adatti alla ricerca vocale, il trend di chi la effettua è in costante aumento e strumenti come Alexia saranno sempre più presenti nelle case degli italiani.

I social media, panoramica generale

Complessivamente usano i social media 3,8 miliardi di persone, un indice di penetrazione del 49% ed un aumento annuo pari al 9,2%.

Chi usa i social per il 99% effettua accessi da mobile, in 4 anni gli utenti sono passati da 2 miliardi agli attuali 3,8 miliardi.

I più utilizzati sono Facebook (2,4 miliardi), Youtube (2 miliardi) e Whatspp (1,3 miliardi), si registra una forte crescita di TikTok e di Pinterest (che ha superato il morente Twitter).

E’ interessante notare come in alcune zone del mondo il dato sia completamente diverso grazie anche all’utilizzo di social sconosciuti in Italia.

Molto usati gli strumenti di messaggistica dei social ed è sempre più importante in termini di marketing la presenza di aziende per la brand reputation.

Sono infatti molte le aziende che oltre alla loro presenza stanno utilizzando strumenti automatici di customer e non solo.

Si passa sui social in media 2h e 24 minuti al giorno (in aumento rispetto agli anni passati) e circa il 43% li usa per cercare lavoro (in Italia il 31%).

Social linee guida digital 2020

Facebook

Quasi 2 miliardi di persone nel mondo utilizzano Facebook e attraverso le promozioni su questo social sono raggiungibili il 32% degli abitanti del pianeta.

In Italia sono 29 milioni le persone che lo usano quindi il 54% dell’intera popolazione. Questo dato in altri stati arriva addirittura ben oltre il 70%.

Il trend generale degli utilizzatori mensili è passato da 1,35 miliardi del 2014 agli attuali 2,45 miliardi.

E’ interessante notare che in alcuni paesi registra una crescita importante (Asia, Sud Africa) mentre in alcuni paesi europei è in decrescita (Spagna, Norvegia, Grecia, Croatia).

Il 54% del pubblico è rappresentato da uomini con un’età media rappresentativa compresa tra i 25-34 anni.

E’ proprio questa fascia d’età che rappresenta il potenziale più elevato per le campagne Facebook

Per quanto concerne le lingue oltre il 56% usa l’inglese, a seguire il 18% lo spagnolo.

Gli accessi avvengono per il 98% da mobile e solo il 19% accede sia da mobile che da computers.

Facebook social 2020

Gli accessi da mobile avvengono via app da strumenti Android per l’80,8% dei casi e solo il 14% da strumenti Ios, il resto pressochè da browser.

Le campagne advertising ottengono una media di 12 click/utente al mese, in Italia il dato è quasi il doppio (21).

Per quanto riguarda l’engagement è in calo i post, i page link e l’aggiornamento dello stato mentre aumenta in caso di pubblicazione di video e foto.

I numeri di Instagram

Nel mondo utilizzano Instagram 928 milioni di persone con un potenziale di adverising in Italia pari a circa 20 milioni (+2,6% rispetto allo scorso anno).

Il pubblico di Instagram ha un’età media compresa tra 25-34 anni, a seguire nella fascia 18-24 e poi 35-44.

E’ un social che ha non ha differenze di genere un engagement in crescita per le foto e per i video. Le foto rappresentano il 79% di tutti i post pubblicati, i video il 21%

Significativo anche la crescita del pubblico che segue i profili aziendali.

Lo stato di salute di Linkedin

Il social dedicato al mondo del lavoro ha un pubblico di 663 milioni di uteni di cui il 57% uomini.

In Italia ci sono 14 milioni di utenti (+ 7,7% rispetto allo scorso anno) con una penetrazione degli annunci pari al 28% della popolazione.

L’età media degli utenti è compresa tra 25-34 anni.

Twitter, quali sono i suoi numeri

Usano twitter 339 milioni di persone con un 62% di utenti uomini.

In Italia twitter raggiunge un’audencie pari al 6% della popolazione, questa è la riprova che le campagne di marketing su questo social non sempre riescono a produrre un ROI interessante.

E’ interessante vedere che gli account più seguito sono di politici, cantanti e sportivi. Tra i primi 20 account più seguiti si trova la CNN, unica piattoforma che offre news.

Youtube, numeri impressionanti

Sapete quanti utenti sono loggati su Youtube ogni mese? Ben 2 miliardi che guardano 1 miliardo di ore di video al giorno.

Il 55% del pubblico è maschile, le ricerche più effettuate sono relative alla musica ed ai giochi delle console, il video più visto del 2020 è Despacito di Luis Fonsi con oltre 6,59 miliardi di visualizzazioni.

E la privacy?

Rappresenta una delle principali preoccupazione degli utenti, ben 2 utenti su 3 sono preoccupati di come vengono utilizzati i propri dati personali.

Quindi essere trasparenti rappresenta un gran punto di forza per le aziende, offrire la percezione di quello che si fa con i dati rappresenta un punto di forza anche in termini di marketing.

C’è però un controsenso in questo, visto che molti utenti acquistano e usano consapevolmente strumenti che utilizzano i dati personali, un vero e proprio paradosso!

Per vedere il report completo e le linee guida del digital 2020 di We Are Social vai al link We are Social 2020

Per scaricare le previsioni di Google per il 2020 vai al link Google marketing 2020

Leave a Reply